Angelo3Chiara

Noi che insieme scoprimmo per caso l’amore per la montagna, vorremmo condividere con voi le nostre emozioni e le rare bellezze che in essa incontriamo

Via ferrata 30° OSA al Corno Rat – Corno Orientale m.1239

E’ passato tanto tempo dalla nostra ultima ferrata percorsa, e come immaginavamo da quando abbiamo iniziato ad arrampicare, questo genere di itinerario non ci regala più grandi emozioni, comunque sono sempre delle ottime alternative per salire ad una cima in modo diverso. Così partiamo alla volta di Valmadrera per salire al Corno Rat dalla sua ferrata 30° OSA, un itinerario storico risistemato nel 2021 e da poco riaperto. Parcheggiamo la nostra auto e una volta saliti a San Tomaso seguiamo le indicazioni per la ferrata. Ore 9.00 ci troviamo alla base di questa parete verticale… però! Ci fermiamo e nel mentre ci prepariamo per la salita, due ragazzi ci precedono, salendo i primi pioli artificiali nuovi di zecca…  siamo pronti, attacchiamo la via… ripida fin da subito e con un certo impegno fisico superiamo la prima parte, poi un tratto di sentiero e un altro tratto ripido con alcuni passaggi ben esposti… divertiti progrediamo aiutati dai tanti pioli presenti e in circa 45 minuti siamo alla fine della ferrata in cima al Corno Rat. Non male, bella ripida e molto fisica in ambiente spettacolare, qui sostiamo qualche minuto, il tempo di togliere imbrago e casco chiacchierando coi ragazzi che ci hanno preceduto… dopo i saluti noi continuiamo seguendo lei indicazioni per il sentiero attrezzato 30° OSA: attraversando il bosco e dopo aver superato alcune rocce, troviamo le prime catene che ci aiutano a superare una parete facile, continuiamo per traccia con facili rocce fino alla base della parete dell’anticima del Corno Orientale, qui non si scherza, con l’aiuto delle catene superiamo un bel passaggio esposto che ci porta alla cresta finale molto bella e dalla vista unica, poi un breve tratto in discesa, quindi gli ultimi passi su fino alla grande croce del Corno Orientale! Giornata stupenda, non freddissima con un bel sole che ormai ci accompagna in questo strano inverno. Pranziamo al sole in totale solitudine ammirando il paesaggio che non ci annoia mai ripensando che proprio poco meno di una settimana fa eravamo qui con Alessandro. Per la discesa seguiamo la traccia che dalla Bocchetta di Luera porta al Fontanino del Fò, poi per il sentiero torniamo a San Tomaso.

Bel giro, con la ferrata protagonista di oggi e il sentiero attrezzato a completare la nostra salita a questi due corni in questo ambiente che per la sua “semplicità” sa regalare scorci incredibili dalle emozioni assicurate.

Garmin connect

Galleria
20220204_104556
percorso
Galleria
20220204_104556
percorso